Allarme suicidi, l’atra faccia del disagio giovanile

I ragazzi respirano un clima di ansia sociale e di povertà imminente o concreta ma ricevono poca attenzione. A volte provvedono da soli a cercare sostanze per sedare l’ansia, dall’alcol ai farmaci, altre volte questa paura sconfina nell’autolesionismo. Inoltre, la rabbia e l’aggressività non canalizzate sfociano in conflitti e portano anche a episodi come risse e pestaggi. Veniamo da un lungo periodo di repressione, la mancanza di sfoghi catartici, come può essere la semplice attività sportiva, ha creato un’impasse da cui si fatica a uscire.

Lascia una risposta

Your email address will not be published.