Il disagio adolescenziale tra aggressività babygang bullismo cyberbullismo e analafabetismo digitale di molti adulti. Cosa fare?

Il disagio adolescenziale tra aggressività babygang bullismo cyberbullismo e analafabetismo digitale di molti adulti. Cosa fare?

Nella trasmissione #Seiacasa condotta da Angela Booloni ne abbiamo parlato il Comandante della Polizia Locale di Isola della Scala Andrea Pasquali e Giuliana Guadagnini
#indicazioni #progetti #responsabilità #consigli #genitorialità #tutela #cybersicurezza #oblio #psicologia #legalità e tanto altro…
Telearena #intervista #televisiva

Assemblee Studentesche Riunite – #liceoclassico #liceolinguistico #ScipioneMaffei #Verona – grazie per averci coinvolte in questo interessante e rispettoso percorso di approfondimento su FOLLIA E SALUTEMENTALE

Noi parliamo di babygang I giovani adolescenti che si ritrovano in gruppi che presentano comportamenti antisociali sviluppano comportamenti e caratteristiche sempre più simili al gruppo. E anche i modi di pensare diventano gli stessi. Gli atteggiamenti degli altri diventano assimilabili a quelli i già esistenti nella persona. I gruppi sociali diventano una nuova possibilità di identificazione Esistono alcuni modi di pensare nei gruppi antisociali che rendono sempre più facile riconoscerli. Si sentono liberi nel loro essere gregari. Si sentono vittime della società. Delegando alla stessa le responsabilità dei loro comportamenti. Manifestano una rabbia cronica. Vivono la loro onnipotenza. E pretendono il riconoscimento, non ammettono la paura. E gli atteggiamenti di sfida fanno parte del quotidiano
Gli adolescenti violenti delle baby gang sono minorenni che vedono il gruppo come tramite per commettere reati. La loro è una aggregazione esclusiva e necessaria. Che però col tempo diventa patologica nell’espletare atti criminali. Che vanno dal furto alle aggressioni. Atti vandalici, spaccio, rapine, abusi sessuali di gruppo….Gruppi e vite in cui follia e salute mentale si alternano fino a deragliare in un unico binario di microcriminalità.

Lascia una risposta

Your email address will not be published.