IL RUGBY NON E’ UNO SPORT VIOLENTO

Sergio Ruzzenente – Rugby Club Valpolicella che ha fondato nel 1974 – ha preso carta e penna ed ha scritto, assieme al suo direttivo ed al mental coach della squadra, la psicologa Giuliana Guadagnini, una lettera alla Giunti OS che edita in Italia il test MMPI2 chiedendo la rimozione della citazione.

Spiega Guadagnini che «l’Mmpi arriva dagli Stati Uniti, è riconosciuto dagli anni Cinquanta, nel tempo è stato aggiornato e oggi è utilizzato a livello mondiale da noi psicologi perché fornisce lo spettro della personalità di un soggetto. Lo si adotta in diversi contesti, …… Quella domanda, ……, è fuorviante: il rugby può essere definito uno sport aggressivo ma non “violento”, specie perché fondato sul rispetto di regole e avversari».

https://corrieredelveneto.corriere.it/verona/cronaca/21_luglio_18/verona-rugby-sport-violento-valpolicella-contesta-test-scrive-giunti-70a3022a-e7d1-11eb-8820-ee951b4313c2.shtml

Ruzzenente: quel test discrimina il rugby, cancellatelo in Italia e nel mondo

Lascia una risposta

Your email address will not be published.